La retribuzione dei docenti universitari: l’impegno del governo a sostegno del Sistema Universitario

27 Lug

Pubblichiamo l’incontro con la Ministra dell’Istruzione, Università e Ricerca Valeria Fedeli, tenutosi presso Aula Magna dell’Università degli Studi di Urbino, sul tema della retribuzione dei docenti universitari. Interessante la relazione del Prof. Maurizio Ricci, Rettore dell’Università di Foggia, con dati e tabelle sulla involuzione della retribuzione dei docenti universitari.

Relatori
5:38 Vilberto Stocchi, Rettore Università di Urbino;
19:15 Gaetano Manfredi, Presidente CRUI;
37:15 Maurizio Ricci, Rettore Università di Foggia;
1:07:03 Antonio Felice Uricchio, Rettore Università di Bari;
1:25:39 Valeria Fedeli, Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

40 anni persi – Che delusione
l’Università ridotta a corsa al «posto»

22 Lug

Non è vero ! che si è discusso solo (o prevalentemente) di scatti e di riconoscimenti salariali. Il CNU, ormai da mezzo secolo, si batte con passione, costanza e determinazione per investimenti seri in ricerca, per incentivare la mobilità dei ricercatori e dei docenti, per il superamento dei settori disciplinari, per l’ammodernamento dei laboratori e delle strutture didattiche, ecc. ecc. Il Volume del CNU Cronache di 50 anni di vita universitaria tra conservazione e rinnovamento ne è la testimonianza concreta. Questo impegno continua ed è rinverdito sistematicamente. Esso vuole essere sinergico a tutti coloro i quali – specialmente studenti, giovani ricercatori, ecc. – intendono battersi per cambiare e rinnovare il futuro dell’Università.

Ringraziamo Dario Braga e Il Sole 24 ORE per l’importante conributo offerto e invitiamo i nostri visitatori a leggere l’articolo completo (leggi l’articolo).

Antonio Miceli

Riconosciuto il principio dell’inscindibilità tra ricerca, insegnamento ed assistenza dal Cga della Sicilia.

10 Mar

Finalmente uno uno degli obiettivi strategici che il CNU si è posto sin dalla sua costituzione ha trovato riconoscimento in una sentenza. Una grande vittoria del Comitato Nazionale Universitario e della sua Commissione Medicina ora, oltre al riconoscimento dei diritti e compensi pregeressi, si dovrà richiedere l’approvazione di una normativa che regolamenti questo importante principio per la medicina universitaria.

Articolo pubblicato sulla Gazzetta del Sud del 7 marzo 2017 [leggi articolo]